martedì 26 settembre 2017

Risorse inesplorate.

A volte i pensieri sono come noi uomini
si calpestano i piedi.
Si spingono in cerca di spazio.
Si odiano e si cercano come fossero folli amanti.
A volte i pensieri fanno a gara con il tempo,
vanno in altre direzioni.
S'illudono e s'interstardiscono.
Come molle si allungano, ma poi
si sa, ritornano come prima.
A volte i pensieri ci cambiano la pelle.
Ci fanno sembrare diversi,
come foglie
 d'acciaio ci gonfiano il petto
e quanto é vero ci consegnano il mondi.
Ci presentano i muri, ma si sa,
di lä c'é l'aurora ed il cuore non sa fermarsi.
Sono come noi uomini
a volte i pensieri

venerdì 22 settembre 2017

Una luce nel tempo.

É vero, non sentirö nulla del tempo che verrä
del vento e delle maree attente a quello che accadrä.
Ma alcuni versi di quello che sarä li ho dettati anch'io.
Quando penso all'esistenza mi accorgo della luce degli occhi e dei sorrisi veri,
anche quelli di ieri.
Quando cerco di rinnovarmi
é solo per restare a galla.
A volte sono nuvola nel mezzo del sereno
e da li io vedo chi si gonfia come palla
per non sembrare nulla.
É vero nel tempo ci mancherä tanto...ci mancherä la voce della mamma e la pelle dell'amore.
Nel vento e nelle maree le risentirö ancora.

mercoledì 30 agosto 2017

A VOLTE.

A volte si può essere diversi.
A volte si può essere come le onde
che s'infrangono sugli scogli,
ma non si arrendono.
Ci riprovano a superare i muri
ad essere come i venti
dalle motivazioni piú insistenti.
E poi non é vero
che il tempo passa e se ne vá.
A volte lascia il pianto
e le ferite aperte
sono come pagine di un libro
che aspetta un sussurro
per scriversi e rileggersi.

martedì 8 agosto 2017

UN SOL PENSIERO.


In un luogo segreto del non posso dimenticare,
fantasmi maltrattati di emozioni forti
che non vogliono scappar via,
pendolari di sensazioni difficilmente tenuti fermi
da catene di un tempo andato.
Inquietanti fantasmi di un non voler cancellare
vengono sottratti all'oblio di stagioni
che si sorpassano, si cancellano, si giustificano
con un " non posso farci niente ".
Emerge un urlo lacerante di un sol pensiero:
" Io ho amato " mi son piegato, allontanato,
ma non mi sono mai ingolfato.
Folgorato, maledetto, non son cambiato.
Tormentato di onde di vento,
non mi sono rassegnato.
Ho ascoltato, nel silenzio, anche quando
mi sono sfracellato, 
se non mi ha mai amato
e poi ho aspettato, 
anche quando non è più tornato.

martedì 20 giugno 2017

Versi cosí caldi e gelidi.

un pensiero tra Londra e Lisbona.




Ci sono inferni che non aspettano.
Ci vengono a trovare.
Si nutrono di dolori
e gioie arse al vento.
Ci sono inferni
che non hanno mai pietá
spavaldi...si vestono di fuoco
e di tempo
che non verrá mai piú.
Ci sono inferni
che non si accontentano,
roventi, durano poco,
ma lasciano il segno.
Dai grattacieli
e strade obbligate,
come cerini,
bruciano i nostri destini.
Ci sono inferni,
maledetti,
non hanno mete da inseguire.
Solo il gusto di ferire.

venerdì 16 giugno 2017

PORTIERE DI NOTTE.


Fragile come una foglia arida.
Immobile come. i pali a fianco.
Inutile
Come il tempo inesistente.
Si sa, ci sono prati verdi
e tanti altri solo sintetici.
Le immagini
si possono cambiare, ma
il vento, quello giusto
è quello che ti fa decidere
dove c'è il cuore.
Dove ti porta il cuore.
Le bandiere e gli ideali
sono cellule vitali.
L'eterno vitalizio
fa parte del sistema.
Se poi ti passa sotto il piede,
forse sei un po' così.
Mi sa che c'è di meglio.

Risorse inesplorate.