sabato 27 settembre 2014

Settembre perplesso.

Non ci sono piu' onde che accarezzano i piedi.
La pelle con le sue crepe arse
vuole riprendersi da quei tanti passi incerti.
Rimangono soltanto quelli certi.
Quelli che ti hanno sorriso
e le parole sussurate
che hanno regalato al cuore
un battito non piu' solo.
L'estate a volte inganna,
ma il tempo ancora perplesso
e' quello che ogni giorno resta.

martedì 23 settembre 2014

Verso il vento.

Sono tanti i giorni
che ti hanno vista urlare al vento:
Lasciatemi dire quel che penso.
Sono tanti quelli che ti hanno fatto chiedere:
Perche' non posso io decidere.
E poi sono gia' tanti
quelli che ti hanno avvolta di silenzio:
Come posso ancora dire,
Ci sono anch'io.
Se squoti un po la testa e solo per dire:
Non ricordo..
Pero' il sorriso non manca mai.
Ti ha portata avanti
e non ti ha mai abbandonata.
Sei stata donna, mamma e poi nonna.
Hai tolto tanto a te
per darlo a tanti altri.
Hai pianto in silenzio per tutto quello
che ti e' stato tolto..
Che possa ancora il vento
svegliare la tua mente
per farti ancora ricordare
che nonostante il tempo
tu sei ancora contenta.

venerdì 12 settembre 2014

CENTO GIORNI a NATALE.

Undici settembre
una data da non dimenticare.
Pochi giorni a Natale
sono quelli che ci fanno ricordare.
Quelle morti senza senso,
ci fanno vergognare.
Sono torri di speranze
venute giu' senza creanze.
Dieci,  cento, mille giorni
senza aurore
ci convincono che il disonore
e' pur sempre intorno all'uomo
travolto da quel vento
di inutile spessore.
Non si potra' mai cancellare
quel che e' successo.
Soltanto all'undici
a cento giorni da Natale.

mercoledì 10 settembre 2014

FARSI MALE...

Sono parole che restano dentro
quelle dette senza alcun rispetto.
Si feriscono da sole, chiuse nella mente
fino a farsi male
contro le pareti del sentimento.
Sono quelle frasi dette
con l'intento di ferire dentro.
Sono gomme che cancellano
anche i versi indelebili
che sostengono i battiti contenti
di quei cuori che battono parole.
Sono gelide e arroganti
quelle dette convinte dal dispetto.
Quelle che restano dentro
sono solo parole inutili
senza alcun effetto.

lunedì 1 settembre 2014

IMPREVEDIBILI?

I pensieri sono come le onde del mare,
vanno e vengono di sapori nuovi.
 A volte taciti e splendenti.
Altre volte imperfetti.
Irruenti e furenti, s'infrangono sulle rocce
che poco prima non c'erano.
Appaiono all'improvviso come uno schiaffo sul viso
. Ogni tanto ritornano con lineamenti piu' seri
o con un largo sorriso.



Una luce nel tempo.