lunedì 14 dicembre 2015

LE CAMPANE SUONERANNO ANCORA.


Natale senza renne e neve bianca.
I fuochi d'artificio, l'uomo inerme
li ha subiti tutto l'anno.
Natale piange la mancanza di umanità.
Come il vento caldo di un deserto
che si ostina ad essere viltà.
L'occidente è un serpente
e l'oriente è la sua testa.
E' questione di mentalità.
Chi si esalta è fuori tempo.
Chi si fa saltare
era già assente per metà.
Natale senza penne e bianca neve.
Natale urla
si sente un pò dimenticato.
Natale geme,
si aspetta la bontà
o almeno un pò di pietà.

Nessun commento:

Posta un commento

VIA COL VENTO 2017.

Se l'aurora chiede: "Ma tu sei vecchio?" Viene facile dire: "No" ho solo tinto i capelli. Gli anni sono come po...